Scegliere il divano letto per la casa delle vacanze.

Storie di divani

Oggi vi raccontiamo di Mara e Claudio, di una tribù di giovani figli e di come scegliere il divano letto per la casa delle vacanze.

Questa storia inizia con la nostra piccola tribù nomade. Si sposta in continuazione e non sai mai quando arriva. Vengono, partono e il dubbio è sempre lo stesso: quanti saranno questa volta?

Mi chiamo Mara e ho 55 anni. A mio marito Claudio piaceva la costa toscana nella zona Maremma, e così siamo arrivati vicino al Bagno delle Donne. Da qualche anno abbiamo un piccolo appartamento vicino al mare. Non ci sono molte stanze, in tutto sono quattro, e lo abbiamo arredato in modo davvero semplice.

veduta scogliera casa vacanze.

Il soggiorno è la parte che preferisco perché è davvero ampio e ha una meravigliosa terrazza esterna. Mi sono innamorata subito della terrazza e della vista che si gode. Lo abbiamo mantenuto il più possibile fedele all’originale, recintato con dei mattoni e una zona conversazione ricavata nel muro e completata da dei grandi cuscini.

L’interno della casa oltre al soggiorno che ospita anche la cucina e l’ingresso, ha altre due camere e un bagno. Non è molto grande, come vi dicevo, ma per noi due è perfetto.

Almeno fino a quando non arriva la nostra piccola tribù nomade.

Ragazzi che fanno festa al mare.

Eccoli: Matteo, nostro figlio più grande, e Lucia – la seconda da sinistra – di poco più giovane e ancora studente. Ci raggiungono spesso nella casa al mare e ogni volta sono accompagnati da qualche amica o compagno di università.

Sono giovani per cui fino allo scorso anno si adattavano in letti di fortuna, materassini o altro. Claudio adotta la tattica del “se non stanno comodi non si accampano a lungo…”

Poi lo scorso inverno ci siamo decisi a cambiare il divano del soggiorno.

Kevin divano Letto con penisola e vano contenitore.

 

Ho detto a mio marito che avrei voluto acquistare un divano letto. Mi sembrava la soluzione migliore per avere almeno due posti letto in più. Lui inizialmente non era molto favorevole, pensava che un divano letto non fosse comodo, né come letto , né come divano.

Sono riuscita a convincerlo a venire con me per provare i moderni divani letto e devo dire che si è ricreduto subito. Anche perché il divano letto che ci hanno consigliato ha la penisola, per cui quando si guarda la televisione è possibile anche alzare i piedi. Il comfort da seduti non è in alcun modo differente da un normale divano: schienale alto, seduta profonda e morbida.

Kevin di doimo Salotti divano letto con penisola.

vano contenitore divano Doimo Salotti Kevin.

Divano letto Kevin con penisola e vano contenitore.

La zona penisola nasconde anche un vano, dove durante il giorno di possono inserire i cuscini e i lenzuoli da utilizzare nuovamente la sera.

Il letto si apre in cinque secondi, ha una rete molto resistente e un materasso comodo da 160 cm. I cuscini della seduta non si staccano e girano assieme al meccnismo del divano spostandosi sotto.

E’ una gran bella comodità sapere di poter disporre a necessità di un letto matrimoniale in più, e non dover sempre accampare gli amici dei figli in soggiorno alla bene e meglio. Diciamo che siamo contenti della scelta.

Adesso il letto per gli ospiti è anche comodo. Mi resta solo un dubbio: e se fosse troppo comodo?

 

Ugo Galli – Redazione Salotto Perfetto

Altri articoli che parlano dei divani letto:

Come scegliere un divano letto matrimoniale comodo.

La poltrona letto – cinque stili.

 

 

Salva

Salva

Salva

0

Non ci sono ancora commenti.

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *